Pietro Pirelli

Pietro Pirelli

E’ musicista e artista visivo, liutaio del suono e della luce, compositore e percussionista. Ha incluso la luce nella sua ricerca artistica, creando opere visive e performance multisensoriali.
Pirelli trasforma poeticamente la percezione dello spazio, suonando luce e suono oppure offrendo un’esperienza immersiva al pubblico, ospite delle sue installazioni multisensoriali.
Ha operato in teatri e sale da concerto, musei, antichi palazzi, luoghi spirituali, strade, ponti e ambienti naturali in Italia, Germania, Regno Unito, Spagna, Svizzera, Stati Uniti, Brasile, Corea del Sud, Giappone, India, Israele.

Tra le istituzioni ha collaborato con: Milano Musica, Piccolo Teatro, Chiesa di San Celso, Castello Sforzesco, Teatro Franco Parenti a Milano, Ravenna Festival, Macro e Palazzo Venezia a Roma, Biennale Musica Venezia, Pio Monte della Misericordia Napoli, Teatro Metropolitan Tokio.

Presente in gallerie d’arte con mostre personali e collettive.

Pirelli si è costruito i propri strumenti con materie come la pietra, la luce laser, l’acqua, il ghiaccio.
Tra le creazioni: Vertical Circular, Musica in Voga, Arpa di Luce (con Gianpietro Grossi), Idrofoni, Suono Liberato, Artificiale-Naturale e Idrofanie.

Attualmente è in corso una collaborazione con lo storico centro di Video Art Studio Azzurro nell’ambito di Vapore d’Estate e del Fuorisalone del Mobile, Milano 1/15 settembre 2021.

    giovedì 9 settembre

  • GIOVEDÌ 9 E VENERDÌ 10 SETTEMBRE (Aspettando il festival) - Torre Civica  - Piazza Monte Grappa

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Torre Civica, piazza Monte Grappa

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «un linguaggio nel mondo non s’usa», Inferno, XXXI, 78

    La Torre vigila su un luogo di incontro in cui si intrecciano relazioni e ci si confronta con l’Altro. La pluralità delle lingue testimonia, nel nostro tempo, la pluralità di culture che in una piazza naturalmente si incontrano e sono destinate a convivere in un rapporto di reciproco scambio.

    Partecipazione libera.

  • venerdì 10 settembre

  • GIOVEDÌ 9 E VENERDÌ 10 SETTEMBRE (Aspettando il festival) - Torre Civica  - Piazza Monte Grappa

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Torre Civica, piazza Monte Grappa

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «un linguaggio nel mondo non s’usa», Inferno, XXXI, 78

    La Torre vigila su un luogo di incontro in cui si intrecciano relazioni e ci si confronta con l’Altro. La pluralità delle lingue testimonia, nel nostro tempo, la pluralità di culture che in una piazza naturalmente si incontrano e sono destinate a convivere in un rapporto di reciproco scambio.

    Partecipazione libera.

  • sabato 18 settembre

  • SABATO 18, DOMENICA 19 E LUNEDÌ 20 SETTEMBRE - Palazzo Estense  - Centro città, Via Luigi Sacco, 5 - Varese

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Palazzo Estense, via Sacco n. 5

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «I’ mi sobbarco», Purgatorio, VI, 135

    Il luogo del governo cittadino richiama alla mente di tutti il dovere morale e civile che ciascuno dovrebbe sentire nel farsi carico del bene comune.

    Partecipazione libera

  • domenica 19 settembre

  • DOMENICA 19 SETTEMBRE - Parco di Villa Mirabello  - Varese, Centro città, Piazza Motta n. 4

    L’ARTE CHE CREA IL PAESAGGIO

    Confronto di approfondimento sull'incontro tra arte e paesaggio

    parco di Villa Mirabello (piazza Motta n. 4)*

    ore 18.30

    * in caso di maltempo Salone Estense (via Sacco n. 5)

    Il pensiero sullo sviluppo delle città è sempre stato prerogativa di architetti, paesaggisti, botanici, ingegneri… Eppure, negli ultimi decenni, gli artisti contemporanei hanno varcato le soglie di musei, gallerie e teatri per entrare maggiormente in contatto con gli spazi della vita quotidiana delle persone. Il loro lavoro rigenera spazi, coinvolge comunità, accompagna nella rielaborazione dei conflitti, educa alla bellezza e assume un ruolo sempre più centrale nei processi di trasformazione delle città, dal punto di vista materiale ma anche simbolico e identitario. E allora, come l’arte può contribuire alla costruzione della città del futuro?

    Intervengono:| Pietro Pirelli – artista | Giorgio Vicentini – artista | Livia Paola di Chiara – artista | Cristina Vannini – membro del Consiglio internazionale di Europa Nostra e Presidente della giuria di European Heritage Awards/ Europa Nostra Awards | Anna Moro, Docente Politecnico di Milano-Sezione DAStU

    Modera: Erika La Rosa, giornalista

  • SABATO 18, DOMENICA 19 E LUNEDÌ 20 SETTEMBRE - Palazzo Estense  - Centro città, Via Luigi Sacco, 5 - Varese

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Palazzo Estense, via Sacco n. 5

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «I’ mi sobbarco», Purgatorio, VI, 135

    Il luogo del governo cittadino richiama alla mente di tutti il dovere morale e civile che ciascuno dovrebbe sentire nel farsi carico del bene comune.

    Partecipazione libera

  • lunedì 20 settembre

  • SABATO 18, DOMENICA 19 E LUNEDÌ 20 SETTEMBRE - Palazzo Estense  - Centro città, Via Luigi Sacco, 5 - Varese

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Palazzo Estense, via Sacco n. 5

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «I’ mi sobbarco», Purgatorio, VI, 135

    Il luogo del governo cittadino richiama alla mente di tutti il dovere morale e civile che ciascuno dovrebbe sentire nel farsi carico del bene comune.

    Partecipazione libera

  • martedì 21 settembre

  • MARTEDÌ 21 SETTEMBRE - Santa Maria del Monte, XIV cappella

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Santa Maria del Monte, Fontana del Mosè

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «perché non sali il dilettoso monte?», Inferno, I, 77

    La salita al Sacro Monte, tradizionale luogo di pellegrinaggio scandito dalle sue cappelle barocche in cui sono rappresentati i cosiddetti Misteri del Rosario, non poteva che suggerire l’analogia con il «dilettoso monte» verso cui tenta di indirizzarsi il pellegrino Dante all’inizio del suo viaggio poetico e spirituale.

    Partecipazione libera

  • mercoledì 22 settembre

  • MERCOLEDÌ 22 E GIOVEDÌ 23 SETTEMBRE - Piazza della Repubblica

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Piazza della Repubblica

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «Voi credete forse che siamo esperti d’esto loco; ma noi siam peregrin come voi siete», Purgatorio, II, 61-63.

    La piazza, uno spazio immenso ereditato dal passato e oggi specchio delle trasformazioni sociali e culturali in atto, ci ricorda che ognuno di noi è straniero e migrante e che i luoghi che attraversiamo nel corso delle nostre esistenze non sono mai di nostra esclusiva proprietà.

    Partecipazione libera

  • giovedì 23 settembre

  • MERCOLEDÌ 22 E GIOVEDÌ 23 SETTEMBRE - Piazza della Repubblica

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Piazza della Repubblica

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «Voi credete forse che siamo esperti d’esto loco; ma noi siam peregrin come voi siete», Purgatorio, II, 61-63.

    La piazza, uno spazio immenso ereditato dal passato e oggi specchio delle trasformazioni sociali e culturali in atto, ci ricorda che ognuno di noi è straniero e migrante e che i luoghi che attraversiamo nel corso delle nostre esistenze non sono mai di nostra esclusiva proprietà.

    Partecipazione libera

  • venerdì 24 settembre

  • VENERDÌ 24 E SABATO 25 SETTEMBRE - Tribunale di Varese  - Piazza Cacciatori delle Alpi

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Tribunale di Varese, piazza Cacciatori delle Alpi

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «Giustizia, la quale ordina noi ad amare e operare dirittura in tutte cose», Convivio, IV, XVII, 6

    La sede del Tribunale impone inevitabilmente il riferimento all’esercizio e all’applicazione della Giustizia e ai significati cui questa parola oggi rimanda.

    Partecipazione libera

  • sabato 25 settembre

  • VENERDÌ 24 E SABATO 25 SETTEMBRE - Tribunale di Varese  - Piazza Cacciatori delle Alpi

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Tribunale di Varese, piazza Cacciatori delle Alpi

    dalle ore 20.00 alle ore 23.00

     

    «Giustizia, la quale ordina noi ad amare e operare dirittura in tutte cose», Convivio, IV, XVII, 6

    La sede del Tribunale impone inevitabilmente il riferimento all’esercizio e all’applicazione della Giustizia e ai significati cui questa parola oggi rimanda.

    Partecipazione libera

  • domenica 26 settembre

  • DOMENICA 26 SETTEMBRE - Palazzo Estense  - Centro città, Via Luigi Sacco, 5 - Varese

    INCONTRI DI LUCE

    Apparizioni dantesche nella città

    Un itinerario fisico e intellettuale di sei tappe per illuminare la città con apparizioni laser attraverso le parole di Dante, nell’anno delle celebrazioni in occasione dei settecento anni dalla morte del Poeta.

    Con il contributo di Enzo R. Laforgia, Pietro Pirelli, Giuseppe e Marcello Zagaria.

     

    Cortile d’onore di Palazzo Estense, via Sacco n. 5

    ore 20.30, 21.00, 21.30, 22.00

     

    «E quindi uscimmo a riveder le stelle», Inferno, XXXIV, 139

    L’ingresso nei Giardini Estensi e l’uscita dal quotidiano e consueto rumore vorrebbe aprire le porte alla speranza in un futuro migliore (e mai, come in questo nostro tempo, ne abbiamo bisogno): il giardino è “paradiso”, in senso letterale e metaforico. Qui l’artista Pietro Pirelli termina il viaggio e l’esperienza con una performance musicale e visiva:

    ARPA DI LUCE

    Installazione di suoni e visioni che coniuga lo strumento musicale e la scultura di luce, ideata e realizzata da Pietro Pirelli e Giampietro Grossi. Un’invenzione, ma anche un’opera d’arte, che negli anni ha girato il mondo facendo riverberare suono e luce nei contesti più diversi, dalle strade di Mumbai ai templi buddisti in Corea, e permette di interpretare poeticamente uno spazio rendendo a sua volta l’ambiente che lo ospita un grande strumento musicale.

    La partecipazione ad INCONTRI DI LUCE è libera ad esclusione della performance finale.

    ARPA DI LUCE per la quale è obbligatoria la prenotazione.

    Per prenotare clicca qui.

Questo sito utilizza i cookie per offrire l'esperienza web migliore possibile. Proseguendo e utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.