Arte e spettacolo

Suoni, visioni e parole su le soglie del bosco

NATURE URBANE abbina letture, concerti, spettacoli, animazioni, laboratori per bambini e famiglie agli straordinari contesti paesaggistici e ambientali della Città giardino: eventi e attività esperienziali in linea con la vocazione e l’identità dei luoghi. I giardini tornano così alla loro funzione originale: oasi di bellezza e benessere, fulcro di attività ludiche e culturali in armonia con la natura.

  • venerdì 29 settembre
  • Ore 18:30 - Giardini Estensi  - entrata da via Sacco n. 9 (Biblioteca Civica)

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con Il barone rampante di Italo Calvino

    Lella Costa legge la prima puntata:
    Fu il 15 di giugno del 1767 che Cosimo Piovasco di Rondò, mio fratello, sedette per l’ultima volta in mezzo a noi (da Italo Calvino)

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo la lettura si terrà in Salone Estense, via Sacco n. 5.

  • sabato 30 settembre
  • Ore 10:30, 11:30 - Grand Hotel Campo dei fiori

    Mario Brunello in concerto

    Il concerto, tenuto da uno dei massimi violoncellisti sulla scena internazionale, nonché artista simbolo della musica portata sui più affascinanti palcoscenici naturali, dai deserti alle Dolomiti, verterà attorno alle Suites per violoncello solo di Johann Sebastian Bach. La scelta del Grand Hotel del Campo dei Fiori nasce da una attenzione tutta particolare del Festival verso i luoghi che hanno caratterizzato la storia del territorio e i profondi mutamenti sociali ed economici che hanno successivamente indotto a limitarne profondamente l’uso. L’apertura del Grand Hotel in occasione di questo evento farà tuttavia apprezzare al pubblico presente il paesaggio unico e il fascino che ancora conserva questa oramai storica architettura, nella speranza che essa segni l’inizio di una più lunga serie di aperture di edifici storici e della loro valorizzazione. Il concerto si articolerà in due parti di circa 40 minuti ciascuna. Al pubblico sarà consentito ascoltare soltanto una delle due parti. Durante la pausa fra la prima e la seconda, i presenti lasceranno il posto ai nuovi arrivati. Posti disponibili n. 120 per turno.

    ATTENZIONE: I POSTI PER IL CONCERTO (TURNO 1 E TURNO 2) SONO ESAURITI. 

    Programma turno 1
    J. S. Bach, Suite n. 6 in re maggiore BWV 1012
    G. Sollima, Concerto Rotondo, violoncello ed electronics

    Programma turno 2
    J. S. Bach, Suite n. 2 in re minore per violoncello BWV 1008
    Sonata n. 3 in Do maggiore per violino BWV 1005 (violoncello piccolo)

    NOTA BENE: Sebbene la struttura sia di grande fascino si fa comunque presente che essa è da anni dismessa e in gran parte in stato di abbandono. Ciò comporta limitazioni sia di accesso, sia nella possibilità di muoversi al suo interno, sia per quanto concerne la disponibilità di servizi.

    Attenzione: il 30 settembre la strada del Campo dei Fiori sarà chiusa al traffico dalle ore 9.30 alle ore 13, per accedere alla struttura sarà obbligatorio utilizzare le navette messe a disposizione per l’evento.

    SERVIZIO NAVETTA OBBLIGATORIO: da piazzale De Gasperi al Campo dei Fiori.
    Partenza navetta per il concerto delle ore 10.30: ore 9.30, piazzale De Gasperi (ritorno: partenza navetta dal Grand Hotel alle ore 11.45).
    Partenza navetta per il concerto delle ore 11.30: ore 10.30 (ritorno: partenza navetta dal Grand Hotel alle ore 12.45).

    Prenotati
  • Ore 18:30 - Villa Panza-FAI  - Biumo Superiore, piazza Litta n. 1

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con il Barone Rampante di Italo Calvino

    Franco Branciaroli legge la seconda puntata:
    Allora, dovunque s’andasse, avevamo sempre rami e fronde tra noi e il cielo. (da Italo Calvino)

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo la lettura si terrà nel Salone Impero di Villa Panza-FAI

  • domenica 1 ottobre
  • Ore 18:30 - Villa Andrea Ponti  - Biumo superiore, piazza Litta n. 2

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con Il barone rampante di Italo Calvino

    Flavio Oreglio legge la terza puntata:
    Un gentiluomo, signor padre, è tale stando in terra come stando in cima agli alberi…(da Italo Calvino)

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo la lettura si terrà a Villa Andrea – Sala Carlo Emanuele.

  • Ore 21:00 - Villa Andrea Ponti  - Biumo superiore, piazza Litta n. 2

    «Varese, the garden city»

    il più antico documentario su Varese

    di Arrigo Cinotti e Umberto Bagaini, 1930 circa
    16 mm, 20 minuti

    Accompagnamento musicale dal vivo.
    Massimo Ciarella, pianoforte
    Introduzione a cura di Gianfranco Garancini

    Realizzato dalla Società Anonima La Cinefoto Stampa di Milano, il cortometraggio «Varese, the garden city» è il più vecchio documentario filmato esistente su Varese. Ritrovato da Università Popolare e parzialmente restaurato presso il Centro di Cinematografia Scientifica del Politecnico di Milano, il film era destinato a far conoscere all’estero le bellezze naturali e artistiche della città: un prodotto a scopo turistico con didascalie in inglese, che ritrae scene di vita e paesaggi, scorci varesini e panorami dei laghi.
    La riproposta di questo documentario, di estrema pertinenza con il tema del festival, conterà sul valore aggiunto di una colonna sonora realizzata “dal vivo” proprio come accadeva nelle vecchie sale cinematografiche di primo ‘900 e sarà a cura di Massimo Ciarella, pianista accompagnatore per la danza presso la Scuola di ballo del Teatro alla Scala di Milano.

  • lunedì 2 ottobre
  • Ore 18:30 - Villa Toeplitz  - Via G.B.Vico n. 46

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con Il barone rampante di Italo Calvino

    Con le attrici e gli attori del Piccolo Teatro di Milano – quarta puntata:
    Cosimo stava volentieri tra le ondulate foglie dei lecci, e ne amava la screpolata corteccia (da Italo Calvino)

    In collaborazione con il Piccolo Teatro d Milano – Teatro d’Europa

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo la lettura si terrà nella Sala Seminari di Villa Toeplitz.

  • martedì 3 ottobre
  • Ore 18:30 - Villa Augusta  - Giubiano, Via S. Giusto n. 6

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con Il barone rampante di Italo Calvino

    Con le attrici e gli attori del Piccolo Teatro di Milano – quinta puntata:
    E tanta autorità mio fratello aveva preso, che riusciva a trascinarsi dietro il vecchio tremante… (da Italo Calvino)

    In collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nella Sala parrocchiale dell’Oratorio di Giubiano, ingresso via Malta n. 18

  • Ore 21:00 - Chiesa di Sant'Antonio di Padova alla Brunella  - via Marzorati n. 5 – Varese

    Transito di San Francesco

    “Venerabile Cappella Musicale Liberiana” della Basilica Papale di Santa Maria Maggiore, Roma
    Concerto per il transito di San Francesco
    musiche di V. Miserachs, L.G. da Viadana, T.L. da Vittoria, P.D. Maria Stella, L. Refice

    Il concerto presso la chiesa della Brunella della Venerabile Cappella Musicale Liberiana eleva il tema del paesaggio e della natura alle più alte vette della spiritualità. E lo fa per il tramite non solo di un gruppo vocale e strumentale discendente della schola cantorum istituita da Gregorio Magno (590-604) e successivamente guidato da Giovanni Pierluigi da Palestrina, ma attraverso la figura di un santo da sempre tradizionalmente legato all’essenza spirituale della natura: San Francesco.
    Organizzato dalla stessa parrocchia della Brunella il prestigioso appuntamento è stato inserito all’interno di NATURE URBANE non solo per il suo indiscutibile valore artistico e musicale, ma anche per la disponibilità dei musicisti ad inserire in programma due brani particolarmente significativi rispetto alle tematiche toccate dal Festival: il mottetto Laudate dominum de caelis composto dallo stesso direttore della Venerabile Cappella, Mons. Valentino Miserachs, e il Cantico delle creature posto in musica da Padre Domenico Maria Stella.

    In collaborazione con la parrocchia della Brunella

  • mercoledì 4 ottobre
  • Ore 18:30 - Villa Baragiola  - Masnago,Via Caracciolo n. 46

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con Il barone rampante di Italo Calvino

    Con le attrici e gli attori del Piccolo Teatro di Milano – sesta puntata:
    E tanta autorità mio fratello aveva preso, che riusciva a trascinarsi dietro il vecchio tremante… (da Italo Calvino)
    In collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo la lettura si terrà nella Sala degli Svaghi nel vicino Castello di Masnago, via Monguelfo, 42.

  • giovedì 5 ottobre
  • Ore 18:30 - Castello di Masnago e parco Mantegazza  - Masnago, Via Cola di Rienzo n. 52

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con Il barone rampante di Italo Calvino

    Le attrici e gli attori del Piccolo Teatro di Milano leggono la settima puntata:
    Era un’estate tutta lune piene, gracchi di rane, fischi di fringuelli…(da Italo Calvino)

    In collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa.

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo la lettura si terrà nella Sala degli Svaghi nel vicino Castello di Masnago, via Monguelfo, 42.

  • venerdì 6 ottobre
  • Ore 18:30 - Villa Torelli Mylius  - Via Fiume n. 38

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con Il barone rampante di Italo Calvino

    Peppe Servillo legge l’ottava puntata:
    “È lei, è lei” pensava Cosimo sempre più infiammato di speranza… (da Italo Calvino)

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo la lettura si terrà all’interno della villa.

  • sabato 7 ottobre
  • Ore 10:00 - Monastero di Torba  - Via Stazione - 21040 Castelseprio VARESE

    Il silenzio

    Ascolto e sospensione in connessione con la natura circostante

    Uno speciale appuntamento nell’ambito del festival del paesaggio Nature Urbane

    Il Monastero di Torba, luogo dal fascino schietto e meraviglioso, immerso in un’atmosfera lontana dai ritmi della quotidianità, sospesa nel silenzio di una natura benevola ed estraneo al comune scorrere del tempo, dedica una giornata al tema del silenzio. Un percorso attraverso le parole di Mario Brunello, la “non musica” di John Cage e i richiami della natura.

     

    Visite guidate con l’agronomo alle ore 10.30 – 11.30 – 15.30 – 16.30.

    Visite guidate alla torre e alla chiesa alle ore 11.00 – 12.30 – 14.30 – 16.00 – 17.00

  • Ore 17:00 - Villa Panza-FAI  - Biumo Superiore, piazza Litta n. 1

    Concerto di Alessandro Taverna

    Con il pianoforte Pleyel di Villa Panza

    Musiche ispirate ai temi della natura e del paesaggio eseguite su pianoforte Pleyel.

    Programma

    • DEBUSSY, Reflets dans l’eau (da Images, Premiere Serie)
    • CHOPIN, Ballata n. 1 in Sol minore, op. 18
    • RAVEL, Jeux d’eau
    • CHOPIN, Ballata n. 4 in Fa minore, op. 52
    • DEBUSSY, L’isle joyeuse
    • CHOPIN, Andante spianato e Grande polacca brillante op. 22

     

    Indicato dalla critica musicale inglese come «successore naturale del suo grande connazionale Arturo Benedetti Michelangeli», Alessandro Taverna possiede una creatività musicale capace di «far sorgere un sentimento di meraviglia come una visita alla sua nativa Venezia».
    Alessandro Taverna si è affermato a livello internazionale al Concorso Pianistico di Leeds nel 2009. Da allora la sua carriera lo ha portato ad esibirsi in tutto il mondo nelle più importanti sale e stagioni musicali: Teatro alla Scala di Milano, Teatro San Carlo di Napoli, Musikverein di Vienna, Royal Festival Hall e Wigmore Hall di Londra, Gasteig di Monaco, Konzerthaus di Berlino, Philharmonic Hall di Liverpool, Sala Verdi e Auditorium di Milano, Bridgewater Hall di Manchester, Auditorium Parco della Musica di Roma.
    In occasione del concerto di Villa Panza-FAI, Taverna suonerà sul pianoforte Pleyel di proprietà della Villa stessa. Costruito per l’Esposizione Universale di Parigi del 1855, di questo particolare modello ne sono stati censiti soltanto due esemplari al mondo.

    Prenotati
  • Ore 18:30 - Villa Mirabello  - Varese, Piazza Motta n. 4

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con Il barone rampante di Italo Calvino

    Arianna Scommegna legge la nona puntata:
    Stava appeso a un tronco nel suo sacco imbottito, con solo la testa fuori, come un nidiaceo…(da Italo Calvino)

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo la lettura si terrà nella Sala Ottagonale dei Musei Civici di Villa Mirabello.

     

  • domenica 8 ottobre
  • Ore 11:00 - Teatrino dell'oratorio di Velate  - Piazza Santo Stefano

    Pietro Fabris, violino. Francesco Ricci, pianoforte

    Programma:

    • L. van Beethoven, Sonata n. 5 per violino e pianoforte “La Primavera” in fa maggiore;
    • W.A. Mozart, Sei variazioni per violino e pianoforte KV360;
    • L. van Beethoven, Sonata n. 7 per violino e pianoforte in do minore op. 30. n.2.

    Il concerto proposto da Pietro Fabris, violinista già da diversi anni avviato a una brillante carriera internazionale, e da Francesco Ricci, figura di scienziato e musicista, plurilaureato con lode in astronomia e in pianoforte, inanella due fra le più importanti pagine violinistiche di tutto l’Ottocento, entrambe di Beethoven: la Sonata nota come “La Primavera”, per via della sua diffusa cantabilità, e la Sonata in do minore n.7, la più intensamente espressiva fra le tre dell’op. 30. Al centro del concerto, come un’oasi di pace, troveremo invece le sei malinconiche variazioni mozartiane K 360, un tempo cavallo di battaglia del grande David Oistrakh.

    Al termine del concerto, seguirà la visita del giardino e un rinfresco nel porticato di Villa Longoni-Bortoluzzi, (Via Piatti, n.1) un’affascinante dimora storica posta nel cuore del borgo di Velate, a due passi dalla chiesa parrocchiale.

  • Ore 15:30, 16:45 - Villa Panza-FAI  - Biumo Superiore, piazza Litta n. 1

    Il giardino dei suoni – Ma che musica!

    Concerti del Gordon Ensemble per genitori e bambini da 0 a 6 ANNI.
    A cura di AIGAM – Associazione Italiana Gordon per l’Apprendimento Musicale

    In ciascuno dei due concerti saranno impegnati 12 musicisti.
    ore 15.30 – 16.15 (da 3 a 6 anni)
    ore 16.45 – 17.30 (da 0 a 3 anni)

    «Ecco mormorar l’onde: canti senza parole, musiche e canzoni, ispirate al paesaggio, alla natura, al rapporto dell’uomo con la natura… e che spaziano dal classico, al jazz, al popolare».

    Nessun palco, nessuna platea, il pubblico – i bambini con i loro genitori –  seduto in terra circondato dai musicisti disposti intorno ad esso. L’ascolto è circolare, intimo, profondo e favorisce l’incontro tra il bambino, le sue emozioni e la musica. Quella vera. Niente filastrocche, canzoncine infantili. Brani brevi di grandi musicisti, canzoni popolari, scale modali più complesse del maggiore e del minore. I bambini hanno una capacità innata di ascolto e di apertura al mondo e alla sua complessità. Avvolti nella musica sono liberi di muoversi, di giocare, di fermarsi improvvisamente, di ripetere un suono, la vibrazione di uno strumento, una nota precisa, in un’atmosfera di straordinaria partecipazione. Un’esperienza di incontro e relazione affettiva nuova e stimolante anche per noi, per gli adulti e i genitori.

    Prenotazione obbligatoria, massimo 70 partecipanti per concerto.

    Prenotati
  • Ore 18:30 - Giardini Estensi  - entrata da via Sacco n. 9 (Biblioteca Civica)

    Di ramo in ramo di villa in villa

    Viaggio a puntate con Il barone rampante di Italo Calvino

    Gioele Dix legge la decima puntata:
    La gioventù va via presto sulla terra, figuratevi sugli alberi… (da Italo Calvino)

    Lettura a puntate de Il barone rampante nella scenografia incantevole degli alberi secolari dei parchi cittadini. Ogni sera alle 18.30 dieci attori eccellenti raccontano, giorno dopo giorno, le vicende di Cosimo, il giovane barone che il 25 giugno 1767, dopo un banale litigio col padre, sale su un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, e decide che non scenderà mai più.
    Una narrazione evocativa e simbolica, ricca di peripezie e di incontri, di personaggi memorabili, amori romantici e passionali, vicende irresistibilmente comiche.
    Gli interpreti portano in vita un mondo fatto di risvegli, di odori e rumori che hanno la forza suggestiva e prorompente della natura per dare forma e voce a quel mondo al tempo stesso fantastico e poetico che fa di Calvino un grande creatore di universi immaginari e al tempo stesso estremamente lucidi, reali, attuali.

    In caso di maltempo la lettura si terrà in Salone Estense

Questo sito utilizza i cookie per offrire l'esperienza web migliore possibile. Proseguendo e utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.